Le ultime news

  • lavorare nella produzione musicale istituti professionali jpg

    I gruppi indie? Ecco i 3 più amati su Facebook

    Si chiama indie il nuovo genere che sta spopolando sui social. Lontano dai circuiti mainstream, con il termine si indicano, secondo il noto settimanale inglese New Musical Express, tutti quegli artisti che non firmano contratti con le cosiddette etichette major, vale a dire Warner, Universal, Sony ed EMI.

  • organizzazione di matrimoni istituti professionali jpg

    Il bouquet del matrimonio? Meglio se blu

    Chic ed elegante, il bouquet da sposa diventa blu. Un’idea che si adatta a stili differenti, dal matrimonio più eccentrico a quello più sobrio e sofisticato, l’importante è fare gli abbinamenti giusti.

  • istituti professionali lavorare nel settore musicale 4 jpg

    Serena Fortebraccio, una vita fatte di note

    Trentasette anni, sguardo accattivante, in testa e nel cuore da sempre la musica. Lei è Serena Fortebraccio, cantante e musicista professionista da più di 15 anni, appassionata di jazz e di musica classica, con cui è letteralmente cresciuta, studiandola e approfondendo.

  • istituti professionali destination wedding jpg

    Bianca Trusiani, ambasciatrice del ‘Destination Wedding’

    Bianca Trusiani, una vita dedicata al turismo che è da sempre la sua passione più grande. Fin da bambina attraversa fusi orari e latitudini con la sua famiglia e queste esperienze le fanno comprendere le diverse culture e tradizioni, i paesaggi, i patrimoni storici e culturali di moltissimi Paesi nel mondo.

  • istituti professionali come si diventa tecnico del suono jpg

    Fabio Fornelli: ecco come si diventa tecnico del suono

    Fabio Fornelli ha 35 anni ed è già da un po’ uno Show technical manager, una figura professionale che unisce le competenze specifiche di un tecnico del suono a quelle di uno stage manager e crew chief.

  • la storia dei confetti istituti professionali jpg

    La storia del confetto, una delizia che viene dall’antichità

    Lo sapevate che il confetto è nato inizialmente con finalità curative? E non è stato un italiano ad introdurlo, ma un arabo, di nome Al Razi, che ebbe l’idea di ricoprire la medicina con un guscio dolce per renderla più gradevole ed incentivarne l’assunzione.